728x90 AdSpace

Ultime News

domenica 6 dicembre 2015

"L'Identità come risorsa dello sviluppo". Intervento del Dott. Francesco Lo Giudice


Convegno A Morano Calabro (CS)
"L'Identità come risorsa per lo sviluppo".

"E' con una forte identità col territorio che una comunità  può sperare di ottenere sviluppo e riconoscimento all'esterno. Essa vestendosi delle sue radici e tradizioni e diffondendone la conoscenza piena a tutti, da sola,  fa i primi passi verso una vendita di  parte del proprio territorio. 
La prima attrazione turistica all'esterno è fatta dalla reputazione e dalle caratteristiche che noi come comunità comunichiamo...
...non esitiamo quindi a divulgare il bello dei nostri luoghi, facciamoli sempre più nostri identifichiamoci con essi sempre di più così da esserne i principali promotori pubblicitari" cit. M.Milione

Identità e sviluppo, questo il tema trattato lo scorso 5 Dicembre in un convegno a Morano Calabro (CS).
Relatori il Dott. Francesco Lo Giudice Dottore di ricerca in Sociologia Politica all'Università della Calabria, il Dott. Pasquale Pandolfi, vice presidente dell'Accademia Pollineana, il Prof. Gianni Donato Presidente dell'Associazione Culturale Città Solidale, il Presidente del Circolo Anziani di Castrovillari (CS) Carlo Sangineti, il Presidente del Circolo Anziani di Morano Calabro (CS) Carlo Ferrari, il Presidente del Parco Nazionale del Pollino, l'on. Domenico Pappaterra.
L'apertura della conferenza è avvenuta con i saluti del Sindaco di Morano Calabro Nicolò De Bartolo. A seguire si è fatto avanti l'interessante scambio culturale su un tema a me particolarmente a cuore, "l'identità" un fattore e un propulsore interessante di sviluppo per il futuro.
Interessanti gli interventi di ciascun relatore, discorsi incentrati su un concetto di identità visto oltre che come un modo per rivendicare sempre più storie e tradizioni dei nostri borghi anche come contrapposizione a una globalizzazione che negli anni ha isolato le comunità più piccole. Identità come rivendicazione del nostro bagaglio culturale storico e naturalistico ricco di risorse che se ben utilizzate possono risultare carta vincente di crescita territoriale.
Interessante l'intervento del Prof. Gianni Donato che ha evidenziato la chiara crisi d'identità che ci caratterizza, l'uomo moderno non sa più chi è, da qui quindi l'esigenza di riscoprirsi e riscoprire i luoghi che viviamo, riscoprire un'identità che sia occasione di crescita, di sviluppo, che sia un punto di riferimento importante.

A concludere e chiudere la serata di dibattito è stato il Dott. Francesco Lo Giudice, il suo intervento è stato determinante e dal contenuto propositivo. 
Il Dott. Lo Giudice ha relazionato sui concetti di identità e sviluppo, riferendosi alla "nostra identità collettiva necessariamente legata a un luogo, a uno spazio", e come egli asserisce "parlare di spazio nell'epoca della globalizzazione non è facile"

Definisce gli aspetti positivi e negativi della globalizzazione arrivando a dare sempre più peso al concetto di identità vista come un "voler essere", ci spiega così il suo pensiero: "Io personalmente ho trovato molto interessante apprendere che l’identità non è da considerarsi come un essere, ma come un voler essere. Cioè noi non siamo quello che siamo, ma siamo quello che vogliamo essere. L’identità è dunque un processo in continuo movimento, in continua ridefinizione. L’identità non è statica, ma dinamica." Diceva Gaetano SALVEMINI a proposito: <<…Il miglior modo di definire cosa siamo, consiste nel definire cosa vogliamo! Qualunque altra discussione non può portare a nulla… >>

Il caro amico Francesco tocca punti cruciali del tema, ponendo interrogativi quali cosa vogliamo essere? La Calabria cosa vuole essere? I Calabresi cosa vogliono essere? Vogliamo farci annullare dai nuovi scenari? Vogliamo essere sempre visti come popolazione legata ad eventi spiacevoli di corruzione? Oppure, vogliamo riprenderci il nostro tempo?

Non può non esserci riflessione su questi interrogativi, che io condivido in tutto e per tutto. 

Il Dott. Lo Giudice spiega come dobbiamo essere custodi delle meravigliose risorse che possediamo, lo fa proponendo una soluzione, ci parla e ci spiega il  concetto di "glocalizzazione": un processo intermedio fra globalizzazione e localizzazione, precisamente definisce il concetto come: "quel nuovo processo che cerca di unire i vantaggi della globalizzazione con la valorizzazione dei luoghi". Quindi questo potrebbe ed è un modo per poter valorizzare le innumerevoli risorse che il territorio Calabrese possiede spesso sprecate o addirittura mortificate. 
L'intervento procede concentrando l'attenzione sul nuovo modello di sviluppo di questa moderna era: lo sviluppo sostenibile. Egli afferma che noi che oggi siamo ultimi potremmo divenir primi, abbiamo tutte le carte per poter adottare questo modello di sviluppo che crea ricchezza senza distruggere, bensì valorizza l'ambiente e la comunità residente.
Accenna alle meravigliose coste che caratterizzano la nostra terra, ai parchi che abbiamo con un importante cenno al Parco Nazionale del Pollino che proprio in questi giorni ha ottenuto il riconoscimento di "Patrimonio dell'UNESCO", una grande vittoria quindi, per l'Ente Parco, per il Presidente del parco l'On Domenico Pappaterra e per tutte le comunità circostanti. 
Accenna poi, all'impegno che deve esser impiegato per raggiungere dei buoni risultati, alla partecipazione di una cittadinanza attiva, e, a ruoli politici orientati verso un obiettivo comune, verso un buon governo. 
Conclude Francesco con queste parole: "Si parla di noi spesso e volentieri o perché è stato ammazzato qualcuno, o per qualche cosa negativa. E di noi, gente per bene, che ogni giorno costruiamo e ci impegniamo per migliorare il posto in cui viviamo? Quando e quanto se ne parla? Perché non se ne parla? E ancora: Di tutte le nostre eccellenze, de i nostri risultati positivi, perché non se ne parla? Ecco allora la grande sfida del futuro: non solo valorizzare quello che di meglio siamo e abbiamo. Ma farlo conoscere a tutto il mondo! Affinchè tutti possano conoscerlo e apprezzarlo."

Io accolgo la sfida lanciata da Francesco Lo Giudice, accolgo le sue proposte e apprezzo il suo intervento ritenendolo un importante punto di partenza. 
Mi unisco al volere di questi relatori protagonisti del convegno per un modus operandi cooperativo di valorizzazione e sviluppo del territorio, appoggiando ulteriormente e sempre più iniziative future di recupero del nostro territorio. 

Maria Milione

  • Blogger Comments
  • Facebook Comments

0 commenti:

Posta un commento

Item Reviewed: "L'Identità come risorsa dello sviluppo". Intervento del Dott. Francesco Lo Giudice Description: Convegno A Morano Calabro (CS) "L'Identità come risorsa per lo sviluppo". sviluppo, turismo, viaggi, territorio, foto, l'identità come risorsa dello sviluppo. Rating: 5 Reviewed By: VIAGGI DEL MILIONE
Scroll to Top